INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti (Contatore Histats)

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione 
I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di trenta giorni.

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. Viene utilizzato un cookie persistente solo a seguito di registrazione e riconoscimento utente nell’Area Personale unicamente allo scopo di permettere la fornitura di servizi riservata agli utenti registrati. L’uso dei cosiddetti cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Questo sito non utilizza cookie di profilazione.

Dati forniti volontariamente dall’utente 
L’invio facoltativo, esplicito e volontario di dati personali attraverso il modulo di registrazione al sito o l’invio di messaggi di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

Newsletter
La newsletter del CITS è inviata via posta elettronica a coloro che ne fanno esplicita richiesta, compilando il form presente nella sezione newsletter del sito e autorizzando il CITS al trattamento dei propri dati personali. Il conferimento dei dati è facoltativo. Il rifiuto a fornire i dati comporta l’impossibilità di ottenere il servizio newsletter. La newsletter è gestita direttamente su piattaforma Joomla!, all’interno del sito del CITS tramite il componente Acymailing.

Il titolare del trattamento.
Il titolare del trattamento dei dati raccolti, è il CITS con sede in via della Pigna 13/a 00186 Roma, contattatibile all’indirizzo email: segreteria@citsnet.it

Diritti degli interessati.
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (articolo 7 del Codice in materia di protezione dei dati personali). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste vanno rivolte all’indirizzo: segreteria@citsnet.it

Cancellazione dalla newsletter
Per non ricevere più la newsletter, cliccare sulla scritta “non voglio più ricevere questa newsletter” che si trova a piè di pagina della newsletter. Verrete cancellati automaticamente in modo immediato. In caso di problemi, inviare una segnalazione email a:
segreteria@citsnet.it

Come disabilitare/cancellare i cookie mediante configurazione del browser

Chrome
1. Eseguire il Browser Chrome
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Impostazioni
4. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
5. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
6. Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Consentire il salvataggio dei dati in locale
• Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
• Impedire ai siti di impostare i cookie
• Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
• Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
• Eliminare uno o tutti i cookie
Per maggiori informazioni visita la
pagina dedicata.

Mozilla Firefox
1. Eseguire il Browser Mozilla Firefox
2. Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
3. Selezionare Opzioni
4. Selezionare il pannello Privacy
5. Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
6. Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“
7. Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
• Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
• Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
• Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
8. Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
• Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
• Rimuovere i singoli cookie immagazzinati.
Per maggiori informazioni visita la
pagina dedicata.

Internet Explorer
1. Eseguire il Browser Internet Explorer
2. Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
3. Fare click sulla scheda Privacy e, nella sezione Impostazioni, modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
• Bloccare tutti i cookie
• Consentire tutti i cookie
• Selezionare i siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti.
Per maggiori informazioni visita la
pagina dedicata.

Safari 6
1. Eseguire il Browser Safari
2. Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
3. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
4. Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli
Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)
1. Eseguire il Browser Safari iOS
2. Tocca su Impostazioni e poi Safari 3. Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
4. Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati
Per maggiori informazioni visita la
pagina dedicata.

Opera
1. Eseguire il Browser Opera
2. Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
3. Selezionare una delle seguenti opzioni:
• Accetta tutti i cookie
• Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e quelli che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
• Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati. Per maggiori informazioni visita la
pagina dedicata

 

A+ A A-
Cits Case per Ferie

Cits Case per Ferie (5)

Excursus storico della normativa sulle Case per Ferie

In ordine temporale la prima definizione di Casa per Ferie ci è data dalla legge 21 marzo 1958, n° 326 nell’ambito della disciplina dei complessi ricettivi complementari a carattere turisticosociale descritti, nel loro complesso, come allestimenti gestiti da enti o da privati che non abbiano finalità di lucro, attuati per soddisfare le esigenze del turismo sociale e giovanile.

Allora si definivano Case per Ferie “i complessi ricettivi stabili sommariamente attrezzati per ospitare, in periodi determinati, i dipendenti di amministrazioni o aziende pubbliche o private e i soci di associazioni ed organizzazioni aventi esclusivo fine di assistenza sociale.” L’apertura e l’esercizio erano, come anche oggi, subordinati ad autorizzazione amministrativa nonché all’osservanza delle disposizioni di cui al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con R.D. 18 giugno 1931, n° 773. Il D.P.R. 20 giugno 1961, n° 869 fissava le norme di attuazione della legge n° 326/58 recante la disciplina dei complessi ricettivi complementari a carattere turistico-sociale. E’ bene precisare che i provvedimenti amministrativi di tipo autorizzatorio legittimano l’esercizio di diritti che già in astratto fanno parte della sfera giuridica dei privati; ciò nonostante, tali diritti non sono immediatamente esercitabili poiché sussiste un interesse pubblico alla verifica preventiva di requisiti e di presupposti per un esercizio conforme alla legge vigente dei diritti stessi.
Già agli inizi degli anni ‘60 si richiedevano, tra gli altri, alcuni requisiti che ancora oggi, con maggiore dettaglio, sono previsti dalla vigente normativa e ad esempio:
• I complessi ricettivi complementari a carattere turistico-sociale dovevano avere un'attrezzatura particolare in relazione alle caratteristiche della categoria di complesso d’appartenenza (Casa per Ferie, campeggio, ostello per la gioventù);
• l'attrezzatura, proporzionata alla capacità ricettiva doveva essere, qualitativamente, adeguata alla categoria di persone che i complessi erano destinati, in via normale, ad ospitare;
• i complessi ricettivi dovevano tenere esposte al pubblico le tariffe dei vari prezzi comprensivi del servizio e di altri eventuali oneri;
• non era consentita la promiscuità dell'attività di azienda alberghiera con quella di complesso ricettivo complementare.

La norma originaria prevedeva che le Case per Ferie potessero “ospitare soltanto i dipendenti di amministrazioni o aziende pubbliche o private od i soci di associazioni ed organizzazioni aventi esclusivo fine di assistenza sociale, nonché le persone appartenenti al nucleo familiare dei dipendenti e dei soci medesimi.”. Particolare attenzione merita la previsione di cui all’art.12, V co., del D.P.R. n° 869/61 ove veniva letteralmente prescritto che “Nel provvedimento del Prefetto, che autorizza l'apertura e l'esercizio delle Case per Ferie, deve risultare l'indicazione dell'Amministrazione, azienda, associazione od organizzazione per i cui dipendenti o soci e rispettivi nuclei familiari è consentita l'ospitalità.”. Inoltre l’art. 13 II co., lett. b), dello stesso D.P.R., disponeva l’obbligo per i gestori di Case per Ferie di annotare sulle schede di notificazione di cui all’art. 109 del T.U.L.P.S. gli estremi del documento, riferito all’ospite, da cui risultava l'Amministrazione, l'azienda, l'associazione e l'organizzazione di cui l'ospite medesimo faceva parte. Conseguentemente l’attività di vigilanza sulle Case per Ferie era svolta al fine di accertare, precipuamente, in ogni tempo che vi si ospitassero solo ed esclusivamente le categorie di soggetti previsti dalla legge oltre che verificare in generale il permanere dei requisiti necessari al rilascio dell’autorizzazione amministrativa.
Tuttavia, interpretando restrittivamente la vecchia normativa emerge che gli Enti Religiosi non erano individuati dal legislatore quali possibili gestori di Case per Ferie. Ma allora se così fosse quid iuris? A parte le autorizzazioni provvisorie rilasciate, in via assolutamente eccezionale, agli Istituti Religiosi in occasione dell’anno Giubilare del 1975! Così, successivamente, atteso l’emergere del fenomeno dell’accoglienza nell’ambito degli Istituti Religiosi, in occasione della emanazione della legge 17 maggio 1983, n° 217, si coniava l’attuale tipologia di Casa per Ferie così come ancora oggi, tranne adattamenti a particolari diversità dettate da esigenze avvertite a livello locale, risulta recepita nella legislazione regionale vigente. Infatti l’art. 6 della legge quadro dell’’83 descriveva le Case per Ferie come “strutture ricettive attrezzate per il soggiorno di persone o gruppi e gestite, al di fuori di normali canali commerciali, da enti pubblici, associazioni o enti religiosi operanti senza fine di lucro per il conseguimento di finalità sociali, culturali, assistenziali, religiose, o sportive, nonché da enti o aziende per ilsoggiorno dei propri dipendenti e loro familiari.”. Dobbiamo evidenziare che, diversamente dalla precedente normativa, ora non si parla più di strutture sommariamente attrezzate, ma, semplicemente, di strutture ricettive attrezzate per il soggiorno di persone o gruppi; quindi adattandone i vari standard alle diverse specifiche tipologie di utenti e alle esigenze poste dalla stessa ubicazione delle Case per Ferie in relazione ai servizi esistenti sul territorio circostante. Ciò comporta che la Casa per Ferie non avrà un allestimento di scarsa qualità, bensì, differentemente dalle strutture ricettive imprenditoriali, si caratterizzerà nell’ambiente per la cura e l’attenzione che l’Ente non-profit gestore vorrà esteriorizzare attraverso le dotazioni e i servizi offerti (predisponendo, se ritenuto opportuno e in alcuni casi per espressa previsione della legislazione regionale, un regolamento interno la cui osservanza da parte degli ospiti possa garantire il pieno rispetto delle esigenze e del contesto di realtà rappresentati dall’ente ecclesiastico gestore).
E’ bene sottolineare il presupposto di base consistente nell’assenza dello scopo di lucro in tali tipologie ricettive, così da renderne compatibile la gestione in armonia con le precipue finalità degli enti ecclesiastici giuridicamente riconosciuti agli effetti civili. In tale panorama normativo, con particolare riferimento alle Case per Ferie, emerge l’insussistenza di una corrispondenza biunivoca tra la nozione di impresa turistica e quella di attività ricettiva. Infatti basta osservare da una parte che in base alla definizione di impresa turistica che dava l’art. 5 della legge n° 217/83, la stessa veniva individuata, sic et simpliciter, fra “quelle che svolgono attività di gestione di strutture ricettive ed annessi servizi turistici” e dall’altra che ciò non può essere vero con riguardo alle Case per Ferie, vista la particolarità dei possibili soggetti gestori e la totale esclusione di ogni e qualsivoglia fine di lucro. Tale orientamento ha seguito il legislatore nella successiva legge di riforma n° 135 del 29 marzo 2001 e relativo D.P.C.M. 13 settembre 2002 inerente il recepimento dell’accordo fra lo Stato, le regioni e le provincie autonome sui principi per l’armonizzazione, la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico ove si legittima, ancora e inequivocabilmente, l’esistenza di “attività ricettive gestite senza fine di lucro”, naturalmente non soggette all’obbligo di iscrizione al registro delle imprese di cui alla legge 29/12/1993, n° 580. Ciò posto, si osservi come l’attività ricettiva di Casa per Ferie condotta dalle “associazioni senza scopo di lucro, che operino per finalità ricreative, culturali, religiose e sociali” di cui all’art. 7, IX co., legge n° 135/01, non si configura come impresa turistica, come anche, mutatis mutandi, disciplinava l’art. 10 della legge n° 217/83 (abrogata dall'art. 11, co. VI, legge 29 marzo 2001, n° 135 con decorrenza a far data dall’entrata in vigore del D.P.C.M. 13 settembre 2002), con riferimento alle sole associazioni nazionali, subordinando tale particolare disciplina derogatoria, giova ribadirlo, sia all’assenza di scopo di lucro, sia al requisito tassativo di riservare i servizi offerti, solo ed esclusivamente, ai propri aderenti e/o associati. Da tale lettura della norma è pacifica l’esistenza della dicotomia che vede da una parte l’attività ricettiva di tipo imprenditoriale e dall’altra l’attività ricettiva non-profit; in tal senso le previsioni del D.P.C.M. 13 settembre 2002 emanato in attuazione dell’art. 2, IV co., della legge n° 135/01 che recita testualmente: “omissis………le attività ricettive gestite senza scopo di lucro……… omissis………sono rappresentate dalle attività turistiche come sopra individuate svolte normalmente non in forma di impresa da singoli o da associazioni senza scopo di lucro”. Nel contesto della ricettività non-profit, in linea generale, il legislatore regionale, ha creato nell’argomento che ci occupa, a seconda delle tipicità territoriali, a mo’ di rapporto tra genus e species, nell’ambito della categoria generale delle Case per Ferie, delle sottotipologie come ad esempio le case religiose di ospitalità, gli studentati o pensionati universitari, le case di spiritualità o di preghiera, le case d’accoglienza e così via. Di conseguenza i soggetti gestori di case per ferie, pur vigendo la legge 25 agosto 1991, n° 284 concernente la liberalizzazione dei prezzi del settore turistico, dovranno, a mio modesto avviso, auto-calmierare ragionevolmente le proprie tariffe in considerazione della particolarità della loro specifica tipologia ricettiva caratterizzata dall’assenza totale di finalità aventi scopo di lucro. Ora, nel momento in cui, da più parti a opera degli operatori del settore, si auspicava una concreta omogeneizzazione e armonizzazione nella disciplina delle diverse tipologie ricettive ecco intervenire la riforma dell'art. 117 ad opera della Legge Cost. 18 ottobre 2001, n. 3, ove è stabilito che “La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali.”.
Perno della riforma del Titolo V della Parte II della Costituzione, è il nuovo articolo 117 che, invertendo il precedente sistema fondato sulla centralità dei poteri in capo allo Stato, salve le specifiche competenze delle Regioni, fonda la regola della competenza "residuale" delle regioni per le materie che non sono attribuite alla competenza esclusiva dello Stato (art. 117, secondo comma, Cost.) ovvero che non rientrano nei casi di competenza concorrente tra Stato e regioni (art. 117, terzo comma, Cost.). Il carattere generale della potestà legislativa delleregioni è scolpito a chiare lettere dal successivo quarto comma, secondo il quale "spetta alle Regioni la potestà legislativa in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato". Detto ciò la riforma del Titolo V della Costituzione introduce e sancisce l’attuale competenza esclusiva delle regioni in materia turistica.
In base alla precedente formulazione dell’art. 117 Cost. si poteva criticare la tecnica adottata dal legislatore nell’aver previsto, all’art. 2, IV co., legge n° 135/01, l’introduzione di principi fondamentali con una fonte di tipo regolamentare (D.P.C.M. 13/9/2002, recepimento dell’accordo fra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome sui principi per l’armonizzazione, la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico) piuttosto che con una fonte di rango legislativo. L’introduzione del nuovo art. 117 Cost., VI co., elimina ogni residua incertezza sancendo che la potestà regolamentare è prerogativa delle regioni, eccezion fatta per quelle materie di competenza legislativa esclusiva statale.
La potestà legislativa risulta dunque ripartita tra lo Stato e le Regioni in base al criterio della "materia" e a decorrere dall'entrata in vigore del nuovo Titolo V della Costituzione, le regioni ben possono esercitare in materia di turismo tutte quelle attribuzioni di cui ritengano di essere titolari, approvando una disciplina legislativa, che può anche essere sostitutiva di quella statale (cfr. Corte Costituzionale, sentenza n. 510 del 2002), fatto naturalmente salvo il potere governativo di ricorso previsto dall'art. 127 della Costituzione.
Il ruolo del legislatore statale nel nuovo sistema introdotto dal Titolo V, infatti, si legittima in tanto e in quanto realizza nell’ordinamento l’unificazione necessaria alla tenuta complessiva dell’ordinamento stesso e all’attuazione dei principi costituzionali che richiedono il suo intervento. Si legittima, in altri termini, ogni qual volta quei principi possano essere garantiti solo da un intervento legislativo dal “centro” (libertà personale, di circolazione, di religione,
pubblica sicurezza e via dicendo) ovvero ogni qual volta vi sia necessità di regole o standard di garanzia dei “livelli essenziali delle prestazioni in materia di diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale”.
La funzione unificante assegnata al legislatore nazionale muta qualitativamente la natura degli atti legislativi da esso adottati. Sembra pertanto preferibile la tesi alternativa che, in una visione dinamica dei rapporti Stato-Regioni, rimette alle concrete iniziative degli stessi soggetti istituzionali la definizione dei limiti delle rispettive competenze, in un sistema elastico e pragmatico. L'acquiescenza alle iniziative normative di ciascuno avrà il significato implicito del riconoscimento della competenza. In questo quadro, limitare l'attività unificante dello Stato alle sole materie espressamente attribuitegli in potestà esclusiva o alla determinazione dei principî nelle materie di potestà concorrente, significherebbe bensì circondare le competenze legislative delle Regioni di garanzie ferree, ma vorrebbe anche dire svalutare oltremisura istanze unitarie che pure in assetti costituzionali fortemente pervasi da pluralismo istituzionale giustificano, a determinate condizioni, una deroga alla normale ripartizione di competenze. Anche nel nostro sistema costituzionale sono presenti congegni volti a rendere più flessibile un disegno che, in ambiti nei quali coesistono, intrecciate, attribuzioni e funzioni diverse, rischierebbe di vanificare, per l'ampia articolazione delle competenze, istanze di unificazione presenti nei più svariati contesti di vita, le quali, sul piano dei principî giuridici, trovano sostegno nella proclamazione di unità e indivisibilità della Repubblica (cfr. sentenza Corte Costituzionale I ottobre 2003, n° 303) . Passando dagli aspetti sovra illustrati, di ordine più squisitamente giuridico che pratico, ritengo utile fare alcune sintetiche considerazioni relativamente alla disciplina amministrativa delle case per ferie. Preliminarmente, ribadito l’assunto che per l’attivazione di un’attività ricettiva di Casa per Ferie è richiesto l’ottenimento della relativa autorizzazione amministrativa, osserviamo che il legislatore, in tempi relativamente recenti, con D.Lgs. 30/12/1999, n° 507, art. 82, aveva modificato l’art. 12 della legge 21 marzo 1958, n° 326, prescrivendo sempre la sanzione immediata consistente nella cessazione dell'attività in caso di esercizio svolto in difetto di autorizzazione.
Particolare attenzione gli enti gestori dovranno porre al persistere dei requisiti oggettivi e soggettivi in costanza di attività; soprattutto nelle circostanze in cui intervengano ampliamenti della capacità ricettiva, volture, cambi di legale rappresentante e di gestore, cambi di denominazione e/o di insegna e ulteriori variazioni. In tali occasioni (esclusi i casi di ampliamento e/o riduzione della capacità ricettiva), di norma, il titolare, ricorrendone i presupposti, dovrà dichiarare di non aver modificato i locali precedentemente autorizzati, né alcuno degli elementi indicati nell’atto di autorizzazione originaria e, conseguentemente, l’ufficio competente valuterà ex novo la regolarità e il persistere dei requisiti anche e in considerazione dell’eventuale produzione normativa nel frattempo intervenuta. Comunque, con riferimento alla materia turistica, viste le intervenute modifiche costituzionali già doverosamente e ampiamente illustrate, si va delineando un panorama normativo ove nel diritto interno, in applicazione del principio di sussidiarietà e del federalismo amministrativo,si trasferisce alle regioni la competenza legislativa esclusiva, con le conseguenti variabili normative, talvolta sconcertanti, nel regolare fattispecie analoghe. Diversamente a livello comunitario si avanzano esigenze di omogeneizzazione e armonizzazione sia per la tutela del turista-consumatore e sia per garantire il puntuale rispetto delle regole della concorrenza. De iure condendo l’Unione Europea probabilmente condizionerà, con gli strumenti suoi propri (raccomandazioni, direttive e regolamenti, questi ultimi immediatamente precettivi per ogni stato membro UE), la produzione normativa interna di settore, oggi di esclusiva competenza regionale, perseguendo l’obiettivo di assicurarne l’omogeneizzazione e l’armonizzazione, quindi dotando della stessa veste giuridica tipologie ricettive della stessa natura, pur tutelando le diverse specificità territoriali.
Nell’odierna realtà normativa l’apertura di una Casa per Ferie o di un’attività similare va concepita in base alla disciplina vigente a livello regionale, traendo da quest’ultima le indicazioni concernenti l’individuazione dettagliata degli adempimenti necessari all’ottenimento del rilascio del titolo autorizzativo. In base alle suesposte considerazioni le relative procedure amministrative, tendenti al rilascio delle autorizzazioni, potranno presentare anche delle sensibili diversità, sia formali e sia sostanziali che richiederanno, caso per caso, un approccio diretto e partecipativo con la Pubblica Amministrazione competente. In origine competente al rilascio delle autorizzazioni per l’esercizio di attività ricettive, allora licenze di P.S., era il Questore ex art. 86 T.U.L.P.S.. Successivamente la competenza è stata attribuita ai Comuni ex art. 60, lett. c), D.P.R. n° 616/77, con riferimento ai rifugi alpini, ai campeggi e agli esercizi ricettivi extra-alberghieri di cui fanno parte le tipologie ricettive in interesse. Ora, nel momento in cui il cosìddetto modello autoritativo dei rapporti cittadinopubblica amministrazione viene sempre più sostituito dal cosìddetto modello negoziale, anche per la regolarizzazione amministrativa di tali attività ricettive alcune leggi regionali prevedono l’applicazione della procedura di D.I.A. (denuncia di inizio attività) a cui il soggetto titolare potrà prudentemente ricorrere, all’esito della diretta preventiva verifica circa la sussistenza dei prescritti requisiti, al fine di consentire il regolare perfezionamento del silenzio-assenso.
Dobbiamo sottolineare che ai sensi della normativa vigente (art. 20 della legge n° 241/90) e della giurisprudenza della Corte Costituzionale, le ipotesi di silenzio-assenso previste dall'ordinamento hanno carattere assolutamente eccezionale, avendo, di regola, l'Amministrazione l'obbligo di concludere il procedimento con un'espressa manifestazione di volontà e non potendo, in ogni caso, il predetto istituto essere applicato a fattispecie in cui sia fondamentale la concreta ponderazione da parte dell'Amministrazione dei diversi e molteplici interessi coinvolti nel procedimento. Ancora una volta, quindi, si dovrà fare riferimento alla specifica normativa regionale.
Dunque, in questo quadro che vede da una parte la regionalizzazione delle diverse tipologie ricettive e dall’altra l’esigenza, soprattutto in sede UE, di uniformarne le stesse diverse tipologie, più che in passato, le varie realtà associative, meglio se aventi carattere nazionale, potranno catalizzare, aggregare e concentrare le istanze rappresentate dai diversi soggetti gestori di attività ricettive e garantirne la presenza nelle opportune sedi istituzionali al fine di tutelarne le legittime aspettative con particolare riferimento alle gestioni non-profit, rivendicandone, altresì, anche il diritto a ricevere una specifica disciplina e regolamentazione.
Conclusivamente, visti i molteplici interessi che tale argomento solleva da più parti, si può ragionevolmente prevedere che, de iure condendo, la legislazione regionale andrà verso una diversificazione del regime amministrativo delle attività ricettive. E’ auspicabile, a tal punto, una produzione normativa, anche a livello regionale, tendente a favorire sviluppo e investimenti nel settore turistico-ricettivo garantendo, al contempo, una concorrenza regolata dalla legislazione regionale, sempre e comunque, nel rispetto della concertazione, delle intese, della lealtà e collaborazione, anche e soprattutto, tra le diverse regioni. In una prospettiva di frammentazione normativa molteplici dovranno essere gli sforzi per consolidare e sempre più specificare la tipicità delle attività ricettive gestite dalle associazioni senza scopo di lucro, per scongiurare il rischio di assimilazione ad altre realtà operanti nel settore turistico-ricettivo.
Infatti, la definizione di confini certi e sicuri per le attività di accoglienza in argomento, se da un lato può irrigidire le potenziali categorie dei flussi di utenza, dall’altro scongiura insidiose e possibili assimilazioni alle diverse attività ricettive convenzionali. Per concludere, in ambito UE dovranno anche rappresentarsi le istanze unitarie di settore attraverso i vari canali istituzionali per disciplinare, tutelare e promuovere, anche nel mercato europeo, il turismo di “nicchia” rappresentato dall’accoglienza gestita senza scopo di lucro dai diversi soggetti all’uopo legittimati. (a cura dell'avvocato Ugo Greatti)

Leggi tutto...

Carta Accoglienza

  • Ospitalità, accoglienza da parte della Casa per Ferie.
  • Disponibilità a far conoscere la Casa per Ferie, le sue attività, le sue produzioni, il territorio circostante e la sua identità territoriale.
  • Chiare informazioni su prezzi, servizi offerti, indicazioni stradali e relativa georeferenziazione.
  • Rispetto della normativa vigente in materia di Case per Ferie e strutture di ospitalità extralberghiera, igiene e sanità, sicurezza.
  • Attenzione all’ambiente (uso delle acque, smaltimento rifiuti, energie alternative, manutenzione e tutela del territorio).
  • Impegno nel garantire la sicurezza alimentare, e nell’evitare la presenza di OGM.
  • Impegno all’uso ed alla vendita di prodotti agroalimentari tipici e locali , a km 0, anche di aziende agricole convenzionate Cits, nel rispetto dell’enogastronomia locale, stagionale e tradizionale, proponendo menù che ne utilizzino i prodotti.
  • Valorizzazione di prodotti a marchio IGP, IGT, DOP, BIO, DOC, DOCG.
  • Adesione alla rete delle Case per Ferie associate a Cits, impegnandosi alla conoscenza e alla diffusione dei principi ispiratori.
  • Garanzia dell’approvvigionamento di prodotti presso la rete di imprese convenzionate con e da Cits.
Leggi tutto...

Ceck-up

Verifica annuale dell'attività extralberghiera "Casa per ferie"

Il nuovo servizio C.I.T.S. è a disposizione degli associati per verificare la regolarità dell'attività di Casa per Ferie per l'anno 2012 per una sicura gestione.


IL SERVIZIO COMPRENDE:

  • verifica dei documenti per l'esercizio dell'attività di Casa per Ferie;
  • adempimenti tecnico- amministrativi;
  • adempimenti gestionali con la P.A.;
  • prevenzione sul lavoro e/o applicazione del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e successive modificazioni;
  • modulistica;
  • privacy;
  • adempimenti per la somministrazione dei pasti
Leggi tutto...

Affiliare una Casa per Ferie

Affilia al CITS una Casa per Ferie
Hai una struttura? scopri come affiliarla al CITS

PERCHE' AFFILIARE UNA CASA PER FERIE AL CITS?

Il Centro Italiano di Turismo Sociale (C.I.T.S.), Associazione Nazionale sorta nel 1974, per volontà delle associazioni cattoliche impegnate nel settore turistico e facente parte del’ufficio per la Pastorale del Turismo Tempo Libero e Sport della CEI, opera per la sensibilizzazione della persona ai valori umani e Cristiani del turismo socio-religioso; propone un nuovo modo di impiegare il tempo libero, concepito non solo come momento di riposo, ma anche come arricchimento della personalità e dello spirito, nonché per valorizzare il turismo basato sulla solidarietà, il rispetto umano, la condivisione e l’etica.
In base ai principi su esposti, si configura il contesto socio-giuridico nel quale si inserisce ed opera il C.I.T.S., occupandosi di Case per Ferie.

Il CITS offre:
- Formazione, con corsi finalizzati all’aumento dell'occupazione delle strutture ricettive, sull'IMU, il C 59, l'HCCP, l'informatica;
- Consulenza nei settori legale, amministrativo, tecnico, informatico, comunicazione;
- Consulenza a che gli Istituti religiosi che le conducono, ottengano le autorizzazioni amministrative, utili all'esercizio e alla gestione delle Case;
- L'ingresso nella rete internet CITS, in cui essere geolocalizzate attraverso la mappa e illustrate con le schede dedicate ad ognuna, per avere maggiore visibilità e promozione, unitamente ai territori nei quali le Case sono ubicate;
- Consulenza informatica grafica e contenutistica (foto, video, testi) per aggiornare e ristudiare o attivare un sito istituzionale;
- Fidelizzazione di turisti, ospiti, viaggiatori, che per caso o per scelta utilizzando una Casa per Ferie, attraverso il tesseramento, siano spinti a tornare e/o continuare ad utilizzare le nostre strutture, offrendo loro convenzioni, servizi turistici in internet e non solo, per far conoscere l’Italia minore con i 3.500 beni ecclesiastici sparsi sul territorio, i sapori per lo spirito dei prodotti piatti e cucine tipici.

Ricordiamo l’importanza e l’obbligo, in quanto strutture associate al CITS, di tesserare tutti gli ospiti (costo tessera € 2,50), infatti, riservando l’ospitalità ad un circuito interassociativo sociale - famiglie, anziani con mezzi finanziari ristretti, parenti di persone ricoverate in ospedali, pazienti in regime di day hospital, studenti e lavoratori fuori sede, membri e gruppi di parrocchie e associazioni, ma anche semplici pellegrini, viaggiatori e turisti, purché associati al CITS - si tutela la propria struttura durante eventuali controlli e/o possibili eccezioni amministrative e fiscali, presenti e future.

Per pagare le quote associative (€ 200 annue), potete utilizzare un bollettino di C/C Postale N° 62954003 o effettuare un bonifico sulle seguenti coordinate bancarie presso la Banca Popolare di Sondrio - agenzia 11 - IBAN IT59 TO56 9603 2000 0000 4395 X40, con preghiera di specificare tutti i dati dell’ordinante, in particolare, il nome della Casa e la città dove questa è ubicata.

Ricordiamo che siamo sempre a Vostra completa disposizione, con la Segreteria e i Collaboratori della Sede Nazionale, per ogni informazione e chiarimento, ai numeri 06.4743811 - 06.4873145 o all’email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

COS'E' E DEVE ESSERE LA CASA PER FERIE ADERENTE AL CITS?

La Casa per Ferie, spesso gestita da comunità religiose, a volte inserita in conventi e monasteri dalla storia antica, è in grado di offrire un'accoglienza particolare. L'ospite entra a far parte della Comunità stessa, instaurando un rapporto di mutuo scambio tra chi accoglie e chi è accolto; in un ambiente familiare, dove si possono riscoprire valori umani e spirituali. Nella quale l’elemento religioso è una proposta di testimonianza attraverso l'attività, lo spirito di servizio, l'ospitalità serena, cordiale, ariosa, comprensiva e stimolante.

1. E' una struttura per le vacanze che offre possibilità di utilizzo diversificate, dal soggiorno alla pensione completa, alla totale autogestione.
2. E' una Casa e non un albergo, non ambiente anonimo in cui si rimane anonimi, ma ospiti, persone, individui.
3. Ha per fine il valore ricreativo delle ferie, spirituale, intellettuale e fisico.
4. E' una struttura per vacanze ed incontri con caratteristiche di semplicità ma con grande rilievo sociale e culturale.

Obiettivi primari di questa attività associativa sono:

§ una vacanza serena, vissuta in spirito comunitario;
§ creare occasioni di scambi tra gruppi, con strutture idonee all’ospitalità;
§ avere dei costi contenuti;
§ permettere a tutti, anche ai meno abbienti, di realizzare le vacanze;
§ scoprire e vivere luoghi e territori di un Italia delle eccellenze, proponendo l'Italia dei beni culturali ecclesiastici.

EXCURSUS LEGISLATIVO

Codice della normativa statale in tema di ordinamento e mercato del turismo
allegato al Decreto Legislativo n°79/2011 entrato in vigore il 21Giugno 2011 che introduce importanti e significative novità in materia di somministrazione, apertura, riordino e disciplina della materia

Excursus Legislativo

Legge 135/2001 “Riforma della legislazione nazionale del turismo”

Normativa regionale sulle Case per Ferie

STATUTO CITS

SCARICA I MODULI

La procedura per affiliarsi e le quote

Modulo dati struttura per affiliazione

Scarica il modulo per il tesseramento soci

Leggi tutto...

Cos'è una Casa per Ferie

Le Case per Ferie sono 3.400 strutture ricettive diffuse su tutto il territorio nazionale italiano, attrezzate per il soggiorno turistico, ritiri, incontri e convegni, gestite da associazioni o comunità religiose, che perseguono finalità sociali, culturali e assistenziali. La missione sociale delle Case per Ferie, è la cura e l’ospitalità delle persone, ponendo attenzione all’aspetto umano e spirituale della persona.

Il CITS - Centro Italiano Turismo Sociale, alle Case aderenti garantisce promozione e visibilità attraverso la partecipazione a un network e servizi online 2.0. L’ospitalità nelle Case per Ferie è riservata a singoli e famiglie, anziani, giovani, scolaresche, universitari, malati in regime di day ospital e loro accompagnatori, gruppi parrocchiali, e a tutti coloro che fannodel turismo sociale e comunitario.

Le Case per Ferie, spesso gestite da comunità religiose, a volte inserite in conventi e monasteri dalla storia antica, sono in grado di offrire un'accoglienza particolare. L'ospite entra a far parte della Comunità instaurando un rapporto di mutuo scambio tra chi accoglie e chi è accolto in un ambiente familiare, dove si possono riscoprire valori umani e spirituali.

Offrono ospitalità tutto l'anno mettendo a disposizione dell’ospite camere singole, doppie e multiple arredate secondo uno stile sobrio ma ricercato. Dalle stanze, spesso, si può godere di viste suggestive su splendidi paesaggi, o su cortili curati, ricchi di fiori e piante di ogni specie.

Le Case dispongono di ampi e confortevoli refettori capaci di ricevere gruppi che richiedano servizi di ristorazione a base di cucine tradizionali; inoltre a disposizione degli ospiti, spesso, altri servizi utili come ad esempio lavanderie, Sale Convegni che rendono le Case per Ferie location ideali per corsi di studio, seminari di lavoro, convegni, training, briefing ed incontri spirituali; nelle Case infatti, di regola c'è una cappella aperta a tutti gli ospiti.

Le Case per Ferie per studenti o lavoratori

Nell’ambito del turismo sociale molte Case per ferie sono organizzate per ospitare studenti che frequentano corsi di studio e lavoratori. Le strutture ricettive accolgono così giovani che intendono prepararsi seriamente allo studio o che lavorano in luoghi lontani dalle loro residenze. La finalità delle Case per Ferie sarà quella di creare una convivenza anche con la Comunità religiosa ivi residente, ove sarà possibile partecipare quotidianamente a iniziative culturali formative e religiose. Un ambiente sereno che permette anche ai genitori degli studenti e lavoratori di vivere con più serenità il distacco familiare.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

CITS Mappa del sito

mappadelsito

CITS Newsletter

iscrizionenewsletter

CITS Contatti

contatti

Powered by

tecnicainrete